Tra grattacieli, torri e taxi gialli. Muner New York è un'esperienza surreale!

di Martina Pirondini
Tempo di lettura 40 sec.

Surreale. Surreale è forse l’unica parola che può descrivere a pieno ciò che per me è stata l’esperienza di NY 2019. Entrare in contatto con così tante persone, da tutto il mondo, che sono lì per il tuo stesso motivo, con le tue stesse paure e le tue stesse aspettative. Confrontarsi con modi di pensare, di fare e di comunicare completamente diversi dal mio, è stato davvero stimolante e mi ha aperto gli occhi su una realtà che fino al giorno prima potevo solamente immaginare. Grattacieli, torri e taxi gialli hanno fatto solo da contorno a ciò che realmente abbiamo vissuto: è stato come vivere in un mondo parallelo per una settimana. Ho collezionato una marea di ricordi ed è bellissimo poterli condividere con delle persone fantastiche che sono infinitamente grata di aver incontrato e conosciuto. “Honourable Chair, Fellow Delegates, thank you for your attention, I yield my time back to the Chair.”